Fasano, inaugurato il campetto polivalente

FASANO - C'era anche la nostra presidente Isabella Lettori all'inaugurazione del campo polivalente esterno della scuola di via Mignozzi, rigenerato grazie al progetto di rete Genitori Attivi per Bambini Sportivi,

finanziato dalla fondazione Mission Bambini, e al contributo di tanti cittadini e genitori volontari e che ha avuto nel Comitato dei Genitori Fasano il sua capofila.
"Come scuola - dichiara la dirigente scolastica Federica Celeste Gennari -, abbiamo deciso di intitolare il "nuovo" campo a Nicola Marsiglia, scomparso in giovane età nel 2009 a causa di un tragico incidente stradale e che fu alunno di questa scuola e in memoria del quale tanti suoi amici in questi anni, hanno costituito un'associazione e organizzato iniziative per raccogliere fondi da destinare alla rigenerazione del campetto su cui erano cresciuti insieme, contribuendo così al cofinanziamento del progetto.
Ringraziamo il Comitato dei Genitori Fasano, l'Ipsia "G. Ferraris", la Coop. Equo e non solo Onlus, la Pol. Roberto Serra e l' Asd Nicola Marsiglia, per essere stati al nostro fianco in questo progetto con cui, finalmente, dopo tanti anni, gli alunni della nostra scuola potranno disporre nuovamente di un campo sportivo polivalente funzionale e di una palestra ritinteggiata e con nuovi arredi ed attrezzi.
Palestra e campetto polivalente – prosegue la dirigente scolastica - saranno aperti a tutto il territorio e a disposizione della cittadinanza anche quando la scuola sarà chiusa. Crediamo che la scuola ed i suoi spazi vadano sempre più pensati come luoghi di comunità, fruibili dalla cittadinanza anche al di fuori dell'orario scolastico, per questo motivo abbiamo già dato il nostro assenso a che l'amministrazione conceda la gestione del campo polivalente esterno ai ragazzi dell'Asd Nicola Marsiglia che ne hanno già presentato richiesta lo scorso febbraio e che oltre ad aver collaborato in maniera determinante alla sua rigenerazione, intendono migliorarlo ancora con il ripristino dell'impianto di illuminazione per renderlo utilizzabile ai bambini e ai ragazzi del quartiere anche nelle ore di buio."